Comune di Modena
Servizio Pianificazione Urbanistica   Modena guarda lontano
 


Logo Modena Guarda Lontano
ex Mercato Bestiame
 
      programma di riqualificazione urbana


 
Comune di Modena: Assessorato alla Programmazione e Gestione del Territorio
Coordinamento
Settore Trasformazione Urbana e Qualità Edilizia
 

Planimetria di progetto L'area dell'ex Mercato Bestiame costituisce il cuore della trasformazione della Fascia Ferroviaria, per diverse motivazioni. Per ragioni geografiche, innanzitutto: perché è un'area baricentrica rispetto all'intero ambito di territorio investito dalle operazioni di dismissione e riqualificazione: se si considera la porzione di città ricompresa tra la ferrovia a sud e la tangenziale a nord, è immediato come l'ex Mercato Bestiame sia in posizione assolutamente centrale.
 
Ma c'è altro: è anche una delle aree di più immediata vicinanza al centro storico nonostante il suo essere considerato "periferia": basta scavalcare il taglio dei binari, attraverso il Cavalcavia Mazzoni, per trovarsi su Viale Vittorio Emanuele e all'Accademia, e dunque in Centro.
 
E' strategica anche per essere un'area di proprietà pubblica. Cosa che avviene anche per il limitrofo comparto ex Prolatte, posto immediatamente ad ovest oltre via Finzi: sulle due aree è stato così possibile lo sviluppo di una progettazione urbana unitaria e coordinata, che ha consentito il raggiungimento di un risultato per nulla scontato nei processi di costruzione della città contemporanea: che la trasformazione di parti distinte di città, amministrativamente ed operativamente sottoposte a procedimenti diversi, sia riuscita a generare un progetto coordinato e omogeneo, dove ciascuna parte collabora con l'altra nella riqualificazione non solo di se stessa, bensì di un territorio più vasto, oltre i ristretti limiti del singolo intervento.
 
Planimetria di progetto Progetto che meglio si completerà allorquando si risolveranno le vicende proprietarie in essere, a tutt'oggi, nell'area dell'ex Consorzio Agrario.
 
Il Programma di Riqualificazione Urbana (PRU) ha sempre messo tra i suoi obiettivi principali quello di non fare una nuova "periferia", magari più curata e dotata di servizi, ma pur sempre tale: perché le aree oggetto di intervento erano sì vecchi comparti industriali o produttivi dismessi o in via di dismissione, ma appunto perché sono aree troppo prossime alla Città, con grandi potenzialità da esprimere.
Non solo: sono espressione di abitanti con un forte senso di appartenenza al proprio quartiere.
 
Sono separate, questo sì, da una ferrovia che per anni le ha segregate in una condizione di essere "al di là" della città stessa.
 
Per riunirle alla città, e fare sì che ne siano parte integrante e viva, occorrono certamente nuove infrastrutture e più efficienti sistemi di mobilità, che consentano anche una diversa pressione del traffico veicolare: obiettivi raggiungibili solo con nuove possibilità di passare sopra o sotto i binari (le previsioni sono di due nuovi passanti: uno centralissimo, in corrispondenza del prolungamento di via Finzi su via Fanti/Pico della Mirandola, ed uno più a est, in corrispondenza del Cavo Minutara).
 
Ma questo non basta.
Per un vero riscatto, bisogna che queste aree siano vitali, ricche di funzioni che in esse generino frequenti occasioni di frequentazione, di vitalità e di ritrovo.
 
Occorre che vi sia la possibilità di far convivere residenti ed abitanti assieme alle nuove attività, dentro uno spazio urbano qualificato, curato, ricco, interessante.
 
Progetto preliminare di un centro benessere nell'area di Campolungo Per questo, gli spazi pubblici e le funzioni in essi collocate sono da sempre al centro delle attenzioni e degli sforzi del PRU, ed è per queste ragioni che si spiega il grandissimo impegno dell'Amministrazione Comunale nella realizzazione del Comparto, e dell'intorno.
 
Nell'area dell'ex Mercato Bestiame trovano spazio la rinnovata Palazzina Pucci (foto sotto) all'interno della quale hanno trovato sede il Laboratorio della Città e la Biblioteca di quartiere.
 
Alle sue spalle, sono in fase di costruzione le nuove Scuole Marconi, con annessa palestra/palazzetto, ad uso dell'intera città.
 
All'interno, la grande passeggiata del Campolungo vedrà, nella parte sud, la nascita di una struttura dedicata al benessere e alla cura della persona; tutt'attorno, un importante giardino di quartiere.
 
Più a nord, la Piazza Centrale sarà caratterizzata da un edificio/scultura all'interno del quale saranno collocati pubblici esercizi e le funzioni accessorie alla Piazza stessa, che nella sua parte centrale sarà progettata in modo tale da poter ospitare, nei mesi invernali, una pista per il pattinaggio su ghiaccio.
 
Intorno, alloggi e residenze con tipologie diversificate, e negozi.

Palazzina Pucci
 
 
 
Vai all'inizio di questo documento Per inviare messaggi o chiedere informazioni  


 

 
   home | prg | prg storico | peep | pip | piani particolareggiati | piani di recupero | laboratorio della città | centro storico
cartografia | toponomastica | relazioni con le università | segreteria | novità | amministrazione trasparente | mailing list
sistema informativo territoriale | pratiche edilizie | delibere | Monet | cerca